Provincia di Lucca

 

 

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

bandiera europea e cartina europea
bandiera europea

Bandi scaduti

Bandi Europei
Programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori - Bandi 2021 Scaduto il 15/06/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Altro
Data bando: 24/05/2021
Data di scadenza: 15/06/2021

La Commissione europea ha pubblicato i primi bandi relativi al nuovo programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori, che è parte, assieme al nuovo programma Giustizia, del Fondo Giustizia, Diritti e Valori attivo per il periodo 2021-2027.

Il programma è strutturato in 4 sezioni:
- Valori dell’Unione, per la promozione e la protezione dei valori europei
- Uguaglianza, diritti e parità di genere, per la promozione dei diritti, della non discriminazione e dell’uguaglianza, inclusa quella di genere
- Partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, per promuovere l'impegno e la partecipazione dei cittadini alla vita democratica dell'Unione, gli scambi tra cittadini di diversi Stati membri e la sensibilizzazione sulla storia comune europea
- Daphne, per la prevenzione e la lotta alla violenza di genere e alla violenza nei confronti dei bambini.

Bandi aperti:

Bandi Europei
Accesso agli strumenti educativi in aree e comunità con scarsa connettività o accesso alle tecnologie Scaduto il 15/07/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Innovazione e Sviluppo economico, Digitalizzazione, Cultura e turismo
Data bando: 24/05/2021
Data di scadenza: 15/07/2021

Il bando mette a disposizione 2.370.000 € per finanziare un solo progetto mirato ad affrontare le disuguaglianze nell’accesso all’istruzione digitale, riducendo il divario digitale degli alunni che vivono in zone remote e in comunità con scarsa connettività e accesso limitato o nullo a dispositivi, strumenti e contenuti educativi digitali.

Più precisamente, il progetto dovrebbe realizzare i seguenti risultati:
- acquisire conoscenze relative all'accesso e all’uso delle tecnologie digitali nell'istruzione, nonché a comportamenti e bisogni inerenti l'uso di queste tecnologie, raccogliendo dati completi e di alto valore, aggiornati e riutilizzabili, per analizzare principalmente gli insegnamenti appresi durante e dopo la pandemia di Covid-19, nonché per validare empiricamente le aree che necessitano di investimenti;
- rafforzare il dialogo tra tutte le parti interessate, con l'obiettivo di scambiare e analizzare le migliori pratiche e le applicazioni di successo per aumentare l'accesso a soluzioni educative digitali, con focus sulle scuole situate in aree remote;
- realizzare azioni pilota nelle scuole primarie, secondarie, professionali, per implementare e testare le soluzioni tecniche più adeguate per ridurre il divario digitale degli alunni di aree e comunità con scarsa connettività e accesso limitato o nullo a dispositivi, strumenti e contenuti educativi digitali;
- supportare le scuole con servizi di formazione e consulenza mirati, prima e durante l'avvio delle azioni pilota, al fine di pianificare, scegliere e implementare con successo le migliori soluzioni tecnologiche digitali per l’inclusione degli alunni;
- affiancare alle azioni pilota programmi di formazione per migliorare le competenze digitali degli insegnanti sull'uso dei dispositivi e degli strumenti e contenuti educativi digitali di nuova implementazione, nonché per quanto riguarda lo sviluppo di pedagogie innovative;
- sviluppare una strategia volta ad accrescere l'accesso all'istruzione digitale in aree remote e comunità con scarsa connettività e accesso limitato o nullo a dispositivi, strumenti e contenuti educativi digitali in tutta l'UE. La strategia dovrebbe condurre alla pubblicazione di linee guida e standard pronti per l'uso.

durata progetto: 24 mesi

cofinanziamento UE: massimo 90%

scadenza presentazione domande: 15 luglio 2021 ore 17.00 ( ora di Bruxelles)

bando

Bandi Europei
Europa Creativa 2021-2027: i primi bandi del programma Scaduto il 12/08/2021

Programma: Interreg EUROPE
Tematiche: Altro
Data bando: 17/06/2021
Data di scadenza: 12/08/2021

La Commissione europea ha avviato nuove azioni a sostegno dei settori culturali e creativi in Europa e nel mondo, a seguito dell'adozione del programma di lavoro per il primo anno del programma Europa creativa 2021-2027.

Per il 2021 Europa creativa stanzierà un bilancio pari a circa 300 milioni di euro, per aiutare professionisti e artisti di tutti i settori culturali a collaborare a livello interdisciplinare e transfrontaliero. 
L'adozione ha reso possibile la pubblicazione dei primi inviti a presentare proposte nel quadro del nuovo programma.

Sono aperti diversi bandi che potrete visionere al link sottostante:

bandi aperti

Bandi Europei
Cooperazione culturale: i tre bandi European Cooperation Projects Scaduto il 07/09/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Cultura e turismo
Data bando: 17/06/2021
Data di scadenza: 07/09/2021

La call “European Cooperation Projects” si riferisce ai progetti di cooperazione culturale, oltre ad essere la piu’ importante del programma, invita i soggetti interessati a presentare progetti di cooperazione a livello europeo.

E’ suddivisa nelle seguenti 3 categorie:

Categoria 1 - Progetti su piccola scala

Questo invito sosterrà progetti che coinvolgono almeno 3 partner di 3 diversi paesi ammissibili attivi in diversi settori culturali e creativi, per realizzare un ampio spettro di attività e iniziative (Reference CREA-CULT-2021-COOP-1).

Scadenza:  7 settembre 2021.
 

 

Categoria 2 - Progetti di media scala

Questo invito sosterrà progetti che coinvolgono almeno 5 partner di 5 diversi paesi ammissibili attivi in diversi settori culturali e creativi, per realizzare un ampio spettro di attività e iniziative (Reference CREA-CULT-2021-COOP-2).

Scadenza: 7 settembre 2021.

Categoria 3 - Progetti su larga scala

Questo invito sosterrà progetti che coinvolgono almeno 10 partner di 10 diversi paesi ammissibili attivi in diversi settori culturali e creativi, per realizzare un ampio spettro di attività e iniziative (Riferimento CREA-CULT-2021-COOP-3).

Scadenza: 7 settembre 2021.
Questo invito sosterrà progetti che coinvolgono almeno 10 partner di 10 diversi paesi ammissibili attivi in diversi settori culturali e creativi, per realizzare un ampio spettro di attività e iniziative (Riferimento CREA-CULT-2021-COOP-3).

 avvisi

 

 

Bandi Europei
Programma Europa creativa: inviti a manifestare interesse per settori culturali e creativi Scaduto il 30/09/2021

Programma: Interreg EUROPE
Tematiche: Cultura e turismo
Data bando: 12/08/2021
Data di scadenza: 30/09/2021

La Commissione UE ha pubblicato i restanti inviti a manifestare interesse per i settori culturali e creativi nell'ambito della sezione cultura del programma Europa creativa, mettendo a disposizione un importo totale di 88 milioni di euro. Il bilancio sosterrà progetti di collaborazione europea nel settore della cultura, la circolazione e la maggiore diversità delle opere letterarie europee, e offrirà opportunità di formazione e di esibirsi a giovani musicisti.

Gli inviti si concentrano, tra l'altro, sulla collaborazione e innovazione artistica europea su temi quali il coinvolgimento del pubblico, la digitalizzazione, la coesione sociale e il contributo al Green Deal europeo. L'invito dedicato alle piattaforme europee contribuirà specificamente ad aumentare la visibilità, la programmazione e la promozione degli artisti emergenti.

Le organizzazioni interessate possono candidarsi fino alla fine di agosto o di settembre, a seconda degli inviti.

link:

Bandi Europei
LIFE 2021-2027 – Economia circolare e qualità della vita: bando per progetti d’azione standard Scaduto il 30/11/2021

Programma: LIFE
Tematiche: Ambiente e Transizione ecologica
Data bando: 02/08/2021
Data di scadenza: 30/11/2021

Bando per progetti d'azione standard nel quadro del sottoprogramma Ambiente e qualità della vita del programma LIFE. I progetti d'azione standard corrispondono ai progetti “tradizionali” della precedente programmazione di Life e hanno l'intento di:

- sviluppare, dimostrare e promuovere tecniche, metodi e approcci innovativi (ovvero soluzioni nuove rispetto allo stato dell'arte a livello di Stato membro/di settore e che sono attuate su scala operativa e in condizioni da consentire un impatto significativo (si veda il criterio di valutazione "impatto");
- contribuire alla base di conoscenza e all'applicazione delle migliori pratiche: con "migliore prassi" si intendono soluzioni, tecniche, metodi e approcci appropriati, efficienti e all'avanguardia (a livello di Stato membro/di settore), attuate su scala operativa e in condizioni da consentire un impatto significativo (si veda il criterio di valutazione "impatto");
- sostenere lo sviluppo, l'attuazione, il monitoraggio e l'applicazione della legislazione e della politica dell'UE, anche migliorando la governance a tutti i livelli, in particolare rafforzando le capacità degli attori pubblici e privati e il coinvolgimento della società civile;
- catalizzare la diffusione su larga scala di soluzioni tecniche e politiche di successo per l'attuazione della legislazione e della politica dell'UE, replicando i risultati, integrando gli obiettivi correlati in altre politiche e nelle pratiche del settore pubblico e privato, mobilitando investimenti e migliorando l'accesso ai finanziamenti

link:

bando:

Bandi Europei
EUROPEAN CITY FACILITY - 3.rd call for proposalsGuidelines for Applicants Scaduto il 17/12/2021

Programma: HORIZON 2020
Tematiche: Ambiente e Transizione ecologica
Data bando: 22/10/2021
Data di scadenza: 17/12/2021

Lo European City Facility (EUCF), istituito nell'ambito di Horizon 2020, apre il suo terzo bando destinato alle municipalità e alle autorità locali europee per sviluppare concepts di investimento (Investment Concepts) relativi all'attuazione delle azioni contenute nei loro piani d'azione per il clima e l'energia.

Partendo dalla considerazione che le municipalità e i loro raggruppamenti hanno un grande potenziale per costruire programmi globali di investimento nel settore dell'energia sostenibile, guidando la transizione verso la sostenibilità energetica, EUCF è stato creato per aiutare a superare due importanti ostacoli ai loro investimenti in energia sostenibile, ovvero:

- la mancanza di capacità finanziaria e/o legale da parte delle autorità locali per trasformare le proprie strategie energetiche e climatiche di lungo periodo (SEAP e SECAP) in solide idee di investimento

- la mancanza di capacità di aggregazione tra piccoli progetti (ad esempio nel settore delle costruzioni) e quindi la loro scarsa attrattività per il settore finanziario.

Con la definizione di Investment concepts si fa riferimento a un documento che traduce un'idea di progetto di investimento in linguaggio finanziario, al fine di mobilitare finanziamenti per la sua realizzazione (il template è disponibile qui). Il suo scopo è di fornire agli investitori e alle istituzioni finanziarie le informazioni necessarie per valutare un progetto di investimento in modo semplice e veloce e di trasformare i piani climatici ed energetici in solidi pacchetti di investimento, facilitando l'accesso ai finanziamenti per municipalità/enti locali ed enti pubblici locali che li aggregano.

Destinatari del bando sono tutte le municipalità/autorità locali, i loro raggruppamenti e gli enti pubblici locali che li riuniscono, degli Stati membri dell'UE, degli Stati EFTA/SEE (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e del Regno Unito che:
- hanno un piano per il clima e l’energia approvato (compresi i Piani d'azione per l'energia sostenibile -PAES, elaborati nell'ambito del Patto dei sindaci, e altri piani con la stessa ambizione),
- dimostrano un impegno politico per lo sviluppo del concept di investmento proposto (ad es. attraverso una lettera di sostegno, firmata dal sindaco/altro rappresentante politico).

Il contributo finanziario è fisso e ammonta a 60.000 euro con i quali sarà sostenuta l'ideazione di concept di investimento nel settore dell'energia sostenibile, compresi quelli sul lato della domanda di energia, che contribuiscono a migliorare il rendimento energetico e conseguire risparmi energetici. L'importo della sovvenzione può essere utilizzato per il personale interno se le capacità interne sono sufficienti, per esperti esterni/subappaltatori o per altre posizioni necessarie per lo sviluppo del concept di investimento.

Settori target prioritari: edifici pubblici, edifici residenziali ed edifici terziari (non municipali), miglioramento dell'efficienza di attrezzature/impianti, sviluppo e uso di energie rinnovabili integrate nell'edilizia, ammodernamento del teleriscaldamento, passaggio a fonti rinnovabili per il combustibile, reti intelligenti, mobilità urbana sostenibile (ad es. trasporti pubblici, stazioni di ricarica, ecc.) e infrastrutture energetiche innovative (ad es. comunità energetiche dei cittadini, approcci innovativi all'illuminazione pubblica, impianti di trattamento delle acque reflue).

Concretamente il sostegno del progetto andrà a finanziare le attività necessarie allo sviluppo del piano di attrazione di investimenti per questi progetti (quali studi di fattibilità, analisi ingegneristiche, analisi giuridiche, studi sociali, studi di mercato, analisi finanziarie e altre attività di supporto).

Il terzo bando, come il secondo, ha un budget di 4,14 milioni di euro che finanzieranno altre 69 proposte, suddivise in 3 zone geografiche:

- Europa centrale: 1,56 milioni
- Paesi del Nord e Europa occidentale: 1,44 milioni
- Europa meridionale (che comprende l’Italia): 1,14 milioni

L’invito resterà aperto dal 15 ottobre al 17 dicembre 2021.

A questo terzo bando ne seguirà un quarto (ed ultimo) in maggio-giugno 2022.

 

avviso:

Bandi Europei
Invito a presentare proposte 2021CE16BAT001 - Sostegno a misure di informazione relative alla politica di coesione dell'UE Scaduto il 11/01/2022

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Altro
Data bando: 22/10/2021
Data di scadenza: 11/01/2022

La Commissione europea ha pubblicato il bando 2021 per il sostegno a misure di informazione sulla politica di coesione dell’UE. Obiettivo della call è fornire sostegno alla produzione e diffusione di informazioni e contenuti relativi alla politica di coesione dell’UE, incluso il Fondo per la transizione giusta e il Piano di ripresa per l’Europa, nel rispetto della completa autonomia editoriale dei soggetti coinvolti.

Le proposte da candidare dovranno illustrare e valutare il ruolo della politica di coesione nel realizzare le priorità politiche della Commissione europea e nell’affrontare le sfide attuali e future che impegnano l’UE, gli Stati membri, le regioni e le amministrazioni locali. Più precisamente, le proposte dovrebbero riguardare il contributo della politica di coesione orientato a:
- stimolare l’occupazione, la crescita e gli investimenti a livello regionale e nazionale e migliorare la qualità della vita dei cittadini;
- favorire la realizzazione delle principali priorità dell’UE e dei suoi Stati membri, che comprendono, oltre alla creazione di posti di lavoro e di crescita, anche la tutela dell’ambiente, la lotta al cambiamento climatico, la promozione della ricerca e dell’innovazione;
- rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale nell’UE riducendo le disparità tra i Paesi e le regioni dell’Unione;
- aiutare le regioni a gestire la globalizzazione trovando la propria collocazione nell’economia mondiale;
- rafforzare il progetto europeo in quanto la politica di coesione è direttamente al servizio dei cittadini dell’UE.

I destinatari delle misure di informazione da attuare sono:
- il pubblico in generale. L’obiettivo è sensibilizzare gli europei che non sono consapevoli dell’azione dell'UE nella loro regione sui risultati della politica di coesione e il suo impatto sulla vita dei cittadini. L'informazione dovrebbe puntare ad aumentare la comprensione del contributo della politica di coesione alla promozione dell'occupazione e della crescita in Europa e alla riduzione delle disparità tra territori.
- gli stakeholder. L'obiettivo è coinvolgere gli stakeholder (incluso autorità nazionali, regionali e locali, beneficiari, imprese, mondo accademico) per comunicare l'impatto della politica di coesione nelle loro regioni e alimentare il dibattito sul futuro di tale politica e, più in generale, sul futuro dell'Europa.

Le misure dovrebbero essere attuate all'interno dell'UE a livello locale, regionale, multiregionale o nazionale, oppure a livello di diversi Stati membri. Le proposte dovrebbero comprendere (uno o più) strumenti e attività di carattere innovativo al fine di conseguire gli obiettivi, trattare i temi e raggiungere i destinatari.

I progetti dovranno avere una durata massima di 12 mesi (indicativamente con inizio nell’estate 2022).

Possono presentare proposte persone giuridiche, stabilite nei Paesi UE, quali:
- organizzazioni attive nel settore della comunicazione/agenzie di stampa (televisione, radio, carta stampata, media online, nuovi media, combinazione di diversi media);
- organizzazioni senza scopo di lucro;
- università e istituti d’istruzione;
- centri di ricerca e think-tanks;
- associazioni di interesse europeo;
- soggetti privati;
- autorità pubbliche (nazionali, regionali e locali) escluso le autorità incaricate dell’attuazione della politica di coesione a norma dell’art. 71 del Reg. (UE) n. 2021/1060 (Autorità di gestione o di audit).

In generale, non sono ammissibili soggetti appositamente costituiti con l'obiettivo di attuare progetti nell'ambito del presente bando. Inoltre, soggetti che hanno presentato candidature nel quadro degli analoghi bandi pubblicati nel 2017, 2018, 2019, 2020 possono partecipare a questo bando a prescindere dall’esito della candidatura precedente.

Il bando dispone di un budget di 7.000.000 €. Per ciascun progetto la sovvenzione UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili per un massimo di 300.000 €. La sovvenzione assumerà la forma del rimborso dei costi del progetto.

La scadenza per presentare proposte è il 11 gennaio 2022, ore 13.00 (CET).

 

avviso:

Bandi Europei
Bando per iniziative pilota strategiche volte a promuovere un’economia blu sostenibile attraverso una cooperazione a livello di regione marittima nei bacini dell’Atlantico, del mar Nero e del Mediterraneo occidentale. Scaduto il 12/01/2022

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Cultura e turismo
Data bando: 25/11/2021
Data di scadenza: 12/01/2022

l bando finanzia progetti faro (ovvero iniziative pilota strategiche) per l’attuazione delle strategie marittime riguardanti l’Atlantico, il Mar Nero e il Mediterraneo occidentale e per lo sviluppo di una economia blu sostenibile nell’Ue, in linea con il Green deal europeo.

Il bando comprende 3 topic (una proposta progettuale deve riguardare un solo topic ), che corrispondono ai 3 bacini marittimi destinatari:

Topic 1. Atlantico: Progetti innovativi multiuso che combinano l'energia rinnovabile offshore con altre attività e/o con la protezione della natura nell'Atlantico (ID: EMFAF-2021-PIA-FLAGSHIP-ATLANTIC)
Le proposte progettuali devono proporsi lo sviluppo e la diffusione dei progetti che combinano le energie rinnovabili marine (soprattutto quelle emergenti) con altre attività dell'economia blu e/o con la protezione della natura (ad esempio le aree marine protette).

Topic 2. Mar Nero: Progetto pilota per lo sviluppo di capacità di innovazione e investimenti nel l'economia blu del Mar Nero (ID: EMFAF-2021-PIA-FLAGSHIP-BLACK)
Le proposte progettuali dovranno riunire gli stakeholder dell'economia blu dei Paesi del Bacino del Mar Nero al fine di identificare e affrontare le esigenze di sviluppo di capacità locali per promuovere l'innovazione, la digitalizzazione e gli investimenti nell'economia blu, cercando di creare un ponte fra gli stakeholder locali e le attività sviluppate a livello della Agenda marittima comune del Mar Nero.
 

Topic 3. Mar Mediterraneo occidentale: Recupero del turismo costiero e marittimo nel Mediterraneo occidentale (ID: EMFAF-2021-PIA-FLAGSHIP-WESTMED)
La proposte progettuali devono proporsi di rafforzare la competitività e la sostenibilità dell'ecosistema turistico costiero e marittimo nel Mediterraneo occidentale, come parte di un'economia blu intelligente e resiliente. Devono inoltre mirare a preservare l'ambiente marino e costiero e il patrimonio culturale marino e a contribuire alla capacità di attrazione delle aree costiere, una risorsa unica per la competitività nel Mediterraneo.

I progetti devono sviluppare un approccio multidimensionale e integrato alla ricostruzione del turismo costiero e marittimo (compreso il turismo crocieristico) nel Mediterraneo occidentale.

Le proposte devono riguardare uno dei seguenti temi:
- Innovazione nella gestione delle destinazioni
- Design di pacchetti di ecoturismo smart

 

avviso

Bandi Europei
LIFE 2021-2027 – Sottoprogramma Transizione all’energia pulita - Bando azioni di coordinamento e di sostegno (CSA) Scaduto il 12/01/2022

Programma: LIFE
Tematiche: Ambiente e Transizione ecologica
Data bando: 24/08/2021
Data di scadenza: 12/01/2022

Bando per azioni di coordinamento e di sostegno (CSA) nel quadro del sottoprogramma Transizione all’energia pulita, volto a facilitare la transizione verso un'economia efficiente dal punto di vista energetico, basata sull'energia rinnovabile, climaticamente neutra e resiliente.

Il sottoprogramma Transizione all’energia pulita ha i seguenti obiettivi

- sviluppare, dimostrare e promuovere tecniche, metodi e approcci innovativi per raggiungere gli obiettivi della legislazione e della politica dell'UE sulla transizione verso l'energia rinnovabile sostenibile e una maggiore efficienza energetica e contribuire alla base di conoscenze e all'applicazione delle migliori pratiche
- sostenere lo sviluppo, l'attuazione, il monitoraggio e l'applicazione della legislazione e della politica dell'UE sulla transizione verso l'energia rinnovabile sostenibile o una maggiore efficienza energetica, anche migliorando la governance a tutti i livelli, in particolare rafforzando le capacità degli attori pubblici e privati e il coinvolgimento della società civile
- catalizzare la diffusione su larga scala di soluzioni tecniche e politiche di successo per l'attuazione della legislazione dell'UE sulla transizione verso l'energia rinnovabile o una maggiore efficienza energetica replicando i risultati, integrando gli obiettivi correlati in altre politiche e nelle pratiche del settore pubblico e privato, mobilitando investimenti e migliorando l'accesso ai finanziamenti

avviso

Bandi Nazionali
Avviso pubblico per la realizzazione di reti locali, cablate e wireless, nelle scuole Scaduto il 14/09/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Innovazione e Sviluppo economico, Digitalizzazione
Data bando: 26/07/2021
Data di scadenza: 14/09/2021

Il presente Avviso è finalizzato alla realizzazione di reti locali, sia cablate che wireless, all’interno delle istituzioni scolastiche. L’obiettivo è quello di dotare gli edifici scolastici di un’infrastruttura di rete capace di coprire gli spazi didattici e amministrativi delle scuole, nonché di consentire la connessione alla rete da parte del personale scolastico, delle studentesse e degli studenti, assicurando, altresì, il cablaggio degli spazi, la sicurezza informatica dei dati, la gestione e autenticazione degli accessi. La misura prevede la realizzazione di reti che possono riguardare singoli edifici scolastici o aggregati di edifici con il ricorso a tecnologie sia wired (cablaggio) sia wireless (WiFi), LAN e WLAN

dettagli

Bandi Regionali
bando per interventi di riqualificazione urbana Scaduto il 25/05/2021

Programma: Programmi Operativi Regionali
Tematiche: Ambiente e Transizione ecologica, Innovazione e Sviluppo economico, Mobilità sostenibile, Cultura e turismo
Data bando: 25/05/2021
Data di scadenza: 25/05/2021

Oltre 5milioni per  la rigenerazione urbana da destinare ai  comuni al di sotto dei 15mila abitanti che vorranno riorganizzare e riqualificare il patrimonio edilizio esistente, gli spazi pubblici, le aree urbane degradate, quelle dismesse da riorganizzare funzionalmente. Ma anche per quei comuni che vogliono recuperare edifici di grandi dimensioni.

Le risorse che verranno assegnate  tramite bando, sono appena state definite dalla giunta con il via libera  alla delibera che  stabilisce gli elementi essenziali per l’assegnazione delle risorse. Nello specifico si tratta di 5.093.086,31milioni suddivisi in due annualità: 2.193.086,31 nel 2022 e  2.900.000,00 nel 2023.

L’uscita dell’avviso pubblico è prevista entro il mese di giugno con presentazione dei progetti definitivi da parte dei comuni entro il mese  di settembre.

Ciascun comune può fare richiesta di contributo per un solo intervento.

I contributi saranno erogati fino ad un massimo dell’80per cento delle spese effettivamente sostenute per la realizzazione dell’intervento.

I contributi possono essere utilizzati esclusivamente per il cofinanziamento di spese di investimento

nota:

Bandi Regionali
Interventi di sostegno per le città murate e le fortificazioni della Toscana Scaduto il 10/06/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Cultura e turismo
Data bando: 12/05/2021
Data di scadenza: 10/06/2021

Avviso per interventi a sostegno della valorizzazione delle mura storiche e degli edifici in esse inglobati o ad esse connessi, delle torri, dei castelli e dei ponti, mediante il ripristino dell’accessibilità ai luoghi e la creazione di percorsi culturali.

Soggetti beneficiari: Comuni

Scadenza presentazione domande: 10 giugno 2021

Costo totale ammissibile: minimo 100.000,00 massimo 250.000,00 

Percentuale di contributo regionale: 80% del costo totale dell'intervento

Decreto regionale 7558 del 30/04/2021

Bandi Regionali
Interventi di riqualificazione del patrimonio storico e di pregio degli enti locali toscani Scaduto il 17/06/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Cultura e turismo
Data bando: 19/05/2021
Data di scadenza: 17/06/2021

bando "Interventi di riqualificazione del patrimonio storico e di pregio degli enti locali toscani – L.R. 3 marzo 2021, n.7" rivolto agli enti locali della Toscana, per interventi finalizzati al recupero e alla riqualificazione degli edifici del patrimonio storico e culturale di pregio di loro proprietà, nonché alla loro piena fruibilità da parte della cittadinanza in quanto elementi significativi del carattere identitario del territorio regionale, nelle sue relazioni con le tradizioni e con le vicende storiche della Toscana in tutte le epoche del suo sviluppo. 

Decreto regionale 8185 del 11 maggio 2021

Costo totale non inferiore ad € 100.000 di investimento
Contributo regionale pari all' 80% e comunque non oltre l’importo massimo di € 320.000 per ciascun intervento

 

Bandi Regionali
Contributi a enti pubblici per il sostegno agli investimenti nel settore sociale 2021 Scaduto il 22/07/2021

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Altro
Data bando: 06/07/2021
Data di scadenza: 22/07/2021

Si tratta di un cofinanziamento in conto capitale massimo all’85%, allo scopo di sostenere la realizzazione di progetti di investimento relativi alla costruzione, ristrutturazione o riqualificazione di opere ed interventi con finalità sociali destinate ai servizi alla persona.

Al fine di una ottimale copertura territoriale, si individuano come ambiti territoriali di riferimento per la realizzazione dei progetti, le Zone-distretto socio sanitarie.

La Regione concorre con una disponibilità complessiva di 1.300.000,00 euro.

Potranno essere ammessi al contributo regionale progetti riguardanti:

la realizzazione, ristrutturazione, riqualificazione e/o adeguamento funzionale (compresi ampliamenti e nuove destinazioni d’uso), di immobili e/o parti di immobili che insistono sul territorio toscano;

l’acquisto e la messa in opera di impianti ed attrezzature idonee a favorire l’accessibilità e la fruibilità degli edifici e degli spazi;

l’acquisto di beni durevoli quali arredi, mezzi e/o attrezzature, esclusi automezzi.

Potranno essere ammesse al finanziamento regionale spese sostenute dai soggetti pubblici beneficiari, debitamente quietanzate, per la realizzazione del progetto presentato, con riferimento agli esercizi finanziari 2019, 2020 e 2021.

I soggetti beneficiari del contributo regionale dovranno trasmettere la rendicontazione finale delle opere o degli interventi realizzati, che dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2021, corredata della documentazione giustificativa delle spese sostenute debitamente quietanziate entro e non oltre il 31 gennaio 2022, pena la revoca del contributo concesso da parte della Regione.

avviso