Provincia di Lucca

 

 

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

bandiera europea e cartina europea
bandiera europea
Home / Servizio Europa di Area Vasta / Bandi e opportunità di finanziamento

Bandi e opportunità di finanziamento

Il Servizio di allerta bandi

Il Servizio di allerta prevede la pubblicazione di tutti i bandi e le opportunità di finanziamento riferite ai programmi operativi regionali e/o nazionali e al nuovo Piano Nazionale Ripresa e Resilienza . E’ possibile selezionare i bandi di finanziamento scegliendo la tematica di interesse oppure digitando qui di seguito, nel relativo campo di ricerca, il titolo o una singola parola dell’avviso.
Per ciascun bando viene preparata una scheda di sintesi che contiene gli specifici link di collegamento del bando e degli eventuali allegati.

Tutti i bandi in corso

Bandi Europei
Europa Creativa - CULTURA: bando per progetti di cooperazione europea (CREA-CULT-2023-COOP) Scadenza 23/02/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Digitalizzazione, Cultura e turismo
Data bando: 23/11/2022
Data di scadenza: 23/02/2023

Sostegno a progetti di cooperazione transnazionale che coinvolgono organismi attivi nei settori culturali e creativi di differenti Paesi per realizzare attività settoriali o intersettoriali.
I progetti possono riguardare tutti i settori della cultura e creatività ad esclusione dell’audiovisivo (non sono ammissibili progetti che coinvolgono esclusivamente organismi del settore audiovisivo o i cui contenuti riguardino esclusivamente l’audiovisivo).

Vengono sostenute tre categorie di progetti:
- Progetti di piccola scala che coinvolgono almeno 3 soggetti (il capofila di progetto + 2 partner) di 3 diversi Paesi ammissibili.
- Progetti di media scala che coinvolgono almeno 5 soggetti (il capofila di progetto + 4 partner) di 5 diversi Paesi ammissibili.
- Progetti di larga scala che coinvolgono almeno 10 soggetti (il capofila di progetto + 9 partner) di 10 diversi Paesi ammissibili.

I progetti devono contribuire a uno dei due seguenti obiettivi:
1. Creazione e circolazione transnazionale, ovvero rafforzare la creazione e la circolazione transnazionali di opere e artisti europei.
2. Innovazione, ovvero migliorare la capacità dei settori culturali e creativi europei di coltivare talenti, innovare, prosperare e generare posti di lavoro e crescita.

I progetti devono inoltre riguardare almeno una (e massimo due) delle seguenti priorità:
1. Pubblico: aumentare l'accesso e la partecipazione alla cultura, nonché il coinvolgimento e lo sviluppo del pubblico sia fisicamente che digitalmente.
2. Inclusione sociale: promuovere la resilienza e migliorare l'inclusione sociale nella/attraverso la cultura, in particolare per le persone con disabilità e le persone appartenenti a minoranze e gruppi socialmente emarginati, e promuovere il dialogo interculturale.
3. Sostenibilità: in linea con il Green Deal europeo e il Nuovo Bauhaus europeo, co-creare, adottare e diffondere pratiche più rispettose dell'ambiente, nonché sensibilizzare sullo sviluppo sostenibile attraverso attività culturali.
4. Digitale: aiutare i settori culturali e creativi a intraprendere o accelerare la loro transizione digitale, anche in risposta alla crisi da COVID-19.
5. Dimensione internazionale: sviluppare la capacità dei settori culturali e creativi europei, comprese le organizzazioni di base e le micro-organizzazioni, di operare a livello internazionale.
6. Priorità specifiche settoriali, ovvero attività di capacity building, formazione e sviluppo delle competenze nei seguenti settori: musica, editoria e libro, architettura, patrimonio culturale, moda e design, turismo culturale sostenibile. L'obiettivo è promuovere talenti e migliorare le capacità imprenditoriali e di sviluppo professionale di artisti e professionisti dei settori indicati, per adattarsi a nuovi processi creativi, modelli di business e sviluppi del mercato e abbracciare la transizione digitale e ecologica. Particolare attenzione sarà posta sull'acquisizione di competenze e conoscenze inerenti:
- Imprenditorialità e sviluppo professionale (sviluppo del pubblico, marketing, promozione, distribuzione, monetizzazione, autoimprenditorialità, negoziazione di contratti e retribuzioni ecc.),
- Digitalizzazione (3D, tecnologie di Intelligenza Artificiale, big data, blockchain, Metaverso, NFT, ecc.),
- Ecologizzazione della catena del valore e modelli di business sostenibili.

I progetti nei settori musica, editoria, architettura, patrimonio culturale, moda e design, turismo culturale sostenibile possono affrontare una delle priorità di cui ai punti 1-5 e/o le priorità specifiche settoriali (per un massimo di 2 priorità). I progetti inerenti altri settori della cultura e creatività possono invece essere orientati solo alle priorità indicate da 1 a 5.

I progetti proposti devono anche contribuire alle promozione dell’inclusione, della diversità e della parità di genere, nonché della sostenibilità ambientale nei settori culturali (cross-cutting issues del programma).

Tutti i progetti devono avere una durata massima di 48 mesi.

Si prevede di finanziare complessivamente circa 130 progetti.

 

avviso:

Bandi Europei
Invito a presentare proposte 2023 — EAC/A10/2022 Programma Erasmus+ Scadenza 09/03/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Mobilità sostenibile, Digitalizzazione, Cultura e turismo
Data bando: 29/11/2022
Data di scadenza: 09/03/2023

Sostegno a progetti riguardanti:

Azione chiave 1 - Mobilità individuale ai fini dell'apprendimento
▪ Mobilità individuale nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù
▪ Attività di partecipazione dei giovani
▪ DiscoverEU – Azione a favore dell’inclusione
▪ Scambi virtuali nel settore dell’istruzione superiore e della gioventù
▪ Mobilità del personale nel settore dello sport

Azione chiave 2 - Cooperazione tra organizzazioni e istituzioni
▪ Partenariati per la cooperazione:
- Partenariati di cooperazione
- Partenariati su scala ridotta

▪ Partenariati per l'eccellenza:
- Centri di eccellenza professionale
- Azione Erasmus Mundus

▪ Partenariati per l'innovazione:
- Alleanze per l'innovazione
- Progetti lungimiranti

▪ Sviluppo delle capacità nei settori dell’istruzione superiore, dell’istruzione e formazione professionale, della gioventù e dello sport

▪ Eventi sportivi senza scopo di lucro

Azione chiave 3 - Sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione
▪ European Youth Together

Azioni Jean Monnet
▪ Jean Monnet nel settore dell'istruzione superiore
▪ Jean Monnet in altri ambiti dell'istruzione e della formazione

Beneficiari

In generale, il bando è rivolto a qualsiasi organismo pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. Tuttavia, per ogni singola azione sopra indicata sono ammissibili organismi ben definiti come dettagliato nella “Guida al programma”.

Inoltre, i gruppi di giovani che operano nell’animazione socio-educativa, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile, possono presentare candidature per la mobilità ai fini dell’apprendimento dei giovani e degli animatori socio-educativi, per le attività di partecipazione dei giovani e per l’azione DiscoverEU.

Il bando è aperto a enti stabiliti negli Stati UE e nei Paesi terzi associati al programma (voce "Aree geografiche" a fondo scheda). Alcune azioni sono aperte anche a organismi di Paesi terzi non associati al programma. Per conoscere la corrispondenza tra azioni e Paesi ammissibili si veda la "Guida al programma".

Entità Contributo

Variabile a seconda dell'azione (si veda la "Guida").

Modalità e procedura

Per la presentazione e valutazione delle proposte di progetto è stabilita, a seconda dell’azione, una procedura decentrata o centralizzata. Le azioni di ERASMUS+ sono infatti distinte in azioni gestite a livello nazionale attraverso le Agenzie nazionali dei Paesi partecipanti al programma, e azioni centralizzate gestite a livello europeo dall’Agenzia esecutiva EACEA. La "Guida al programma" dettaglia per ogni azione la procedura a cui è soggetta (la maggior parte delle azioni del bando è gestita a livello nazionale).

Scadenza

Azione chiave 1
- Mobilità individuale nel settore dell`istruzione superiore: 23 febbraio 2023
- Mobilità individuale nei settori dell’IFP, dell’istruzione scolastica e per adulti: 23 febbraio 2023
- Mobilità individuale nel settore della gioventù: 23 febbraio 2023; 4 ottobre 2023
- Mobilità internazionale con Paesi terzi non associati al programma: 23 febbraio 2023
- Mobilità del personale nel settore dello sport: 23 febbraio 2023
- Accreditamenti Erasmus: 19 ottobre 2023
- Discover EU a favore dell'inclusione: 4 ottobre 2023
- Scambi virtuali nel settore dell'istruzione superiore e della gioventù: 26 aprile 2023

Azione chiave 2
- Partenariati per la cooperazione nei settori dell'istruzione, formazione e gioventù presentati da ONG europee: 22 marzo 2023
- Partenariati per la cooperazione nei settori dell'istruzione, formazione e gioventù, esclusi quelli presentati da ONG europee: 22 marzo 2023; 4 ottobre 2023 (la seconda scadenza è solo per settore gioventù).
- Partenariati per la cooperazione nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Partenariati su scala ridotta nei settori istruzione scolastica, IFP, istruzione degli adulti e gioventù: 22 marzo 2023; 4 ottobre 2023
- Partenariati su scala ridotta nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Centri di eccellenza professionale: 8 giugno 2023
- Azione Erasmus Mundus: 16 febbraio 2023
- Alleanze per l'innovazione: 3 maggio 2023
- Progetti lungimiranti: 15 marzo 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dell’istruzione superiore: 16 febbraio 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dell’IFP: 28 febbraio 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore della gioventù: 8 marzo 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Eventi sportivi senza scopo di lucro: 22 marzo 2023

Azione chiave 3
European Youth Together: 9 marzo 2023

Azioni Jean Monnet
Per tutte le azioni: 14 febbraio 2023

 

avviso:

Bandi Europei
Citizens, Equality, Rights and Values Programme (CERV) - Call for proposals Networks of Towns (CERV-2023-CITIZENS-TOWN-NT) Scadenza 20/04/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Altro
Data bando: 17/01/2023
Data di scadenza: 20/04/2023

Nell’ambito del programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori (CERV) è stato pubblicato il bando 2023 per Reti di città.

Le Reti di città offriranno alle città e ai comuni la possibilità di approfondire e intensificare la cooperazione e il dibattito, nonchè sviluppare reti sostenibili e delineare la loro visione a lungo termine per il futuro dell'integrazione europea.

Il bando mette a disposizione 6.000.000 euro per finanziare progetti transnazionali focalizzati sulle seguenti priorità:

1. Promuovere la consapevolezza e lo sviluppo di conoscenze sui diritti di cittadinanza dell'UE e sui valori comuni europei associati, in particolare per i cittadini mobili dell’UE;

2. Promuovere la consapevolezza e lo sviluppo di conoscenze in merito al 30° anniversario dell’entrata in vigore del Trattato di Maastricht (1 novembre 2023);

3. Promuovere la consapevolezza, lo sviluppo di conoscenze e la condivisione di buone pratiche riguardo ai vantaggi della diversità, dell’uguaglianza di genere e a misure efficaci per combattere la discriminazione e il razzismo a livello locale;

4. Riunire i cittadini per discutere le azioni locali sul clima e l'ambiente, comprese le questioni legate all'energia, la solidarietà e la condivisione di migliori pratiche.

Oltre a queste specifiche priorità, i progetti possono anche riflettere più in generale (ma non esclusivamente) sull'impatto che la pandemia può aver avuto sulle comunità locali, nonché sulle forme che la partecipazione civica e la solidarietà hanno assunto durante la crisi COVID-19 e come queste possono diventare sostenibili in futuro. I progetti possono inoltre trarre ispirazione o essere collegati all'iniziativa Nuovo Bauhaus Europeo.

Le attività finanziabili potranno consistere in workshop, seminari, conferenze, attività di formazione, riunioni di esperti, webinar, attività di sensibilizzazione, eventi ad alta visibilità, raccolta e consultazione di dati (disaggregati per sesso), sviluppo, scambio e diffusione di buone pratiche tra autorità pubbliche e organizzazioni della società civile, sviluppo di strumenti di comunicazione e uso dei social media.

I progetti proposti devono avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi.

Il bando è indirizzato a città/comuni e/o altri livelli di autorità locali o loro comitati di gemellaggio o altre organizzazioni non-profit che rappresentano le autorità locali. Questi soggetti devono essere stabiliti negli Stati UE, incluso i PTOM, o nei Paesi candidati e potenziali candidati indicati in questo documento, a condizione che per tali Paesi venga finalizzato l’accordo di associazione al programma CERV.

I progetti devono essere presentati da un consorzio costituito da almeno 4 soggetti (il coordinatore di progetto + 3 partner) di 4 diversi Paesi ammissibili, di cui almeno 2 siano Stati UE. Le attività devono svolgersi in almeno due diversi Paesi ammissibili.

avviso:

Bandi Europei
https://www.europafacile.net/Scheda/Bando/40312 Scadenza 20/06/2023

Programma: Interreg EUROPE
Tematiche: Altro
Data bando: 17/01/2023
Data di scadenza: 20/06/2023

Nel quadro del programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori (CERV) è stato pubblicato il bando 2023 per la promozione dell’uguaglianza e lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione.

L’obiettivo della Call è sostenere un approccio globale e intersezionale, finanziando azioni specifiche per prevenire e combattere l'intolleranza, il razzismo, la xenofobia e la discriminazione, in particolare per motivi di origine etnica, razza, religione, orientamento sessuale, identità di genere.

Il bando intende pertanto finanziare progetti nazionali o transnazionali - quelli transnazionali sono particolarmente incoraggiati – incentrati sulle seguenti priorità:

1. Lottare contro la discriminazione e combattere il razzismo, la xenofobia e altre forme di intolleranza, tra cui l'antiziganismo, il razzismo verso persone di colore, l'antisemitismo e l'odio contro i musulmani (risorse disponibili: 11.500.000 euro)

2. Promuovere la gestione della diversità e l'inclusione sul posto di lavoro, sia nel settore pubblico che privato (risorse disponibili: 1.500.000 euro)

3. Combattere la discriminazione contro le persone LGBTIQ e promuovere l'uguaglianza attraverso l'attuazione della Strategia UE per l'uguaglianza LGBTIQ (risorse disponibili: 3.000.000 euro)

4. Priorità riservata alle autorità pubbliche - Migliorare la capacità di risposta contro la discriminazione (intersezionale), il razzismo, l'antisemitismo, l'odio contro i musulmani, la xenofobia, la fobia LGBTIQ e tutte le altre forme di intolleranza (risorse disponibili: 4.000.000 euro)

Le attività finanziabili potranno consistere in:
- capacity building, formazione per i professionisti e le vittime di discriminazione,
- apprendimento reciproco, scambio di buone pratiche, cooperazione, compresa l'individuazione delle migliori pratiche che possono essere trasferite ad altri Paesi,
- divulgazione e sensibilizzazione, anche sui social media o attraverso campagne mediatiche,
- promozione delle competenze digitali e del pensiero critico,
- raccolta dati, sondaggi, monitoraggio e segnalazione di episodi di discriminazione,
- sostegno e empowerment delle vittime, tenendo conto del genere e dell’età,
- definizione e attuazione di strategie o piani d'azione,
- capacity building e attività di formazione per autorità nazionali, regionali e locali

I progetti proposti devono avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi al massimo.

Il cofinanziamento UE potrà coprire fino al 90% dei costi ammissibili del progetto e la sovvenzione richiesta non può essere inferiore a 100.000 euro.

Il bando si rivolge a persone giuridiche pubbliche e private stabilite negli Stati UE, incluso i PTOM, o nei Paesi candidati e potenziali candidati indicati in questo documento, a condizione che per questi Paesi venga finalizzato l’accordo di associazione al programma CERV.

I progetti devono essere presentati da un consorzio costituito da almeno due soggetti (proponente di progetto + 1 partner). In particolare:
- per le priorità 1, 2, 3: proponenti di progetto devono essere enti non profit. Organizzazioni a scopo di lucro possono presentare progetti solo in partnership con enti pubblici o enti privati non-profit. Enti pubblici, organizzazioni private e organizzazioni internazionali possono essere partner di progetto.
- per la priorità 4: proponenti di progetto possono essere unicamente autorità pubbliche. Enti pubblici e organizzazioni private possono essere partner di progetto.

 

avviso:

Archivio bandi

ultima modifica: 21/02/2022 - 09:47