FacebookTwitterYoutube

Home / News / A VILLA ARGENTINA LA SUGGESTIVA MOSTRA "UN MONDO COMPLETO" DI ISABELLA STAINO

A VILLA ARGENTINA LA SUGGESTIVA MOSTRA "UN MONDO COMPLETO" DI ISABELLA STAINO

locandina mostra Isabella Staino Villa Argentina Viareggio
Martedì, 31 Ottobre, 2017
Tipologia: 
Comunicato stampa

Sabato 4 novembre alle 17,30 l'inaugurazione della mostra con una performance di musica e voce. Un lungo e articolato percorso pittorico con opere realizzate in tempi diversi tra donne-sirene, ritratti femminili, grandi tele e piccole produzioni che coniugano le immagini del sogno e del mistero, dell'attesa e dell'inquietudine quotidiana.

E' l'omaggio che Villa Argentina tributa all'artista Isabella Staino, fiorentina di nascita ma livornese di adozione, che aprirà la sua personale sabato 4 novembre alle 17,30 nella storica villa liberty di Viareggio recuperata dalla Provincia di Lucca.
“Un mondo completo” è il titolo scelto per la mostra di Isabella Staino che si compone di circa 70 opere le quali, nelle splendide sale della Villa, creano un suggestivo incontro di temi ed immagini; un originale e irripetibile dialogo tra le opere e tra opere e ambiente, nelle due polarità del “mistero dei gesti semplici” e del mare del ciclo 'Lighea'.
La mostra – che rimarrà aperta fino al 10 dicembre - è promossa dalla Casa delle Donne - Centro antiviolenza di Viareggio, in collaborazione con la Provincia, il Comune di Viareggio e l’adesione della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Lucca e Massa Carrara.
Per il giorno dell'inaugurazione – sabato – è prevista una performance con musica e voce su “Lighea” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa che vedrà protagoniste Arianna Gaudio (voce) e Chiara Cavalli (violino).
La mostra contiene le opere del ciclo “Lighea” ispirato a Lighea di Tomasi di Lampedusa. La dimensione mitica e simbolica della  donna-sirena va a costituire l’altra polarità necessaria: Lighea, il mare e le sue creature emergono da vivide acque per densità e profondità. Qui il mistero non è nei gesti, ma nell’immensità ignota della natura. E soprattutto del mare, il doppio, il regno più lontano e irriducibile al dominio dell’uomo.

La mostra presenta inoltre:  Isabella e l’ombra – tavole originali dal racconto scritto da Antonio Tabucchi nel 2003 ispirandosi alla pittura di Isabella Staino e a lei donato. Il racconto è stato illustrato e pubblicato nel 2013 da Vittoria Iguazu Editora; Infiniti terrestri dèi – ciclo pittorico ispirato a “Cristo si è fermato a Eboli” di Carlo Levi. 

La mostra che rimarrà aperta ad ingresso libero, ospiterà eventi collaterali, letture, conferenze, performance musicale, approfondimenti ed incontri tematici.

Isabella Staino è nata nel 1977 a Firenze, dove si è diplomata all’Accademia delle Belle Arti presso la Scuola di pittura del prof. Gustavo Giulietti. Vive e lavora a Livorno. Ha esposto le sue opere in 52 mostre personali.
Tra le più importanti si ricordano: «Capoluogo onirico» 2002 - Roma; «Galleria Fyr» arte contemporanea 2003 - Firenze; «A perdita  d’occhio» 2006 Teatro Verdi - Pisa; «Isabella Staino» 2010 Spazio d'Arte Hello Submarine - Losanna (CH); «Isabella Staino » 2012 Sala SS.Filippo e Giacomo -  Brescia; «Isabella Staino» 2014 Museo Amedeo Lia - La Spezia; «Pensare per colori» 2014 alle Galerie Tour de Babel - Parigi; «Dévoilé» 2015 Chapelle Saint-Jean - La Garde Freinet (FR); « Isabella Staino » 2015 Centro S. Michele degli Scalzi - Pisa;  «All’ascolto di Cristo si è fermato a Eboli» 2017 Petite Galerie Tour de Babel - Parigi;  «Infiniti terrestri dèi» 2017 Fondazione Carlo Levi – Roma;  «Infiniti terrestri dèi» 2017 Galleria Athena – Livorno;  «Lighea» 2017 ex chiesa di S. Pietro in Atrio – Como.
Con Sergio Staino ha illustrato i libri di Adriano Sofri: «Racconto  di Natale» (Einaudi, 2002), «Gli angeli  del cortile » (Einaudi, 2003) e «L’impero  delle cicale»  - edizioni Coconino press, 2004.

Nel 2013 ha illustrato il racconto “Isabella e l'Ombra”, che Antonio Tabucchi scrisse nel 2003 ispirandosi alla sua pittura e le donò, pubblicato nel 2013 da Vittoria Iguazu Editora. Il libro, con l’esposizione delle tavole originali, è stato presentato in molte città italiane, presso le librerie italiane di Parigi e Berlino e gli Istituti di Cultura Italiana di Amburgo e Lisbona. Ma la produzione artistica di Staino va oltre: ha realizzato scenografie e maschere per varie compagnie teatrali. Nel 2013/14 ha partecipato con le sue opere al Festival “Hai paura del buio?” organizzato da Manuel Agnelli degli 'Afterhours' a: Torino, Roma, Milano e L'Aquila. Nel 2015 entra a far parte come socio cultore del Gruppo Labronico.

Il sito ufficiale dell'artista:   www.isabellastaino.com   

La mostra sarà visitabile fino al 10 dicembre, dal martedì alla domenica, con orario 10.00 – 13.00 / 15.00 –18.30. Chiuso il lunedì. L'ingresso è libero.

Per contattare la sede espositiva: 0584-1647600 ; musei@provincia.lucca.it