Social

FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / A Villa Argentina il racconto in versi di Giuseppe Cordoni "Una città segnata da quattro roghi"

A Villa Argentina il racconto in versi di Giuseppe Cordoni "Una città segnata da quattro roghi"

L'ingresso della Villa Liberty
Martedì, 18 Dicembre, 2018
Tipologia: 
Comunicato stampa

Continuano gli appuntamenti culturali a Villa Argentina, a Viareggio, nell’ambito della rassegna culturale “Di Mercoledì: Scrittori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina” promossa dalla Provincia di Lucca.
Domani, mercoledì 19 dicembre, alle 17,30, verrà presentato il libro “Una città segnata da quattro roghi” di Giuseppe Cordoni impreziosito dai disegni originali del pittore Brunello Baldi. Oltre all'autore, interverranno Domenico Lombardi, poeta e pediatra, Moreno Bucci, storico, Marcello Brunini, teologo. Voci recitanti: Sabrina Portorelli e Paolo Bresciani.
Massimo dalle Luche spiega che “L'immagine della città che emerge dalle pagine di questo racconto in versi (che fa parte della collana Le Mimose, Bandecchi & Vivaldi - ndr) costituisce uno degli snodi privilegiati della grande civiltà letteraria e non solo che attraversa la fine dell'800 per approdare al primo '900 - la Viareggio di Shelley e Byron e poi di Pea, Viani, Puccini, ma anche di Rilke e Pound - e nel contempo, per contrasto, l'emblema della vendetta divina nei confronti della tracotanza del progresso tecnologico - incarnato nella figura di Prometeo - frutto, non sempre moralmente ineccepibile, della ragione umana.
Ma, in realtà, nel pensiero del poeta, causa scatenante dei tragici eventi raccontati nelle ultime tre sezioni della raccolta, non è affatto il capriccio incomprensibile di un dio sconosciuto, bensì il risultato tragicamente irresponsabile dell'agire umano. E, infatti, è proprio nelle richiamate sezioni dell'opera che più forte si percepisce lo sdegno dell'autore, sorretto da un'intensa passione civile, per i mali del nostro tempo”. 
Giuseppe Cordoni è nato a Viareggio e ha studiato a Pisa e a Grenoble. Laureato in Lingue Letterature straniere e in Lettere Moderne, poeta e critico d'arte, ha insegnato in Licei sperimentali dove, in particolare, ha condotto ricerche sul linguaggio e la didattica della poesia. Come critico d'arte si è interessato della realtà creativa di Pietrasanta quale crocevia internazionale della scultura contemporanea, curando numerose rassegne di scultura e pittura sia in Italia che all'estero. Ha pubblicato raccolte di poesie.

Per informazioni : Tel. 0584-1647600
Villa Argentina,Via Fratti angolo Via Vespucci, Viareggio 
e.mail: musei@provincia.lucca.it