Social

Logo TwitterLogo YoutubeLogo Facebook

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / VIABILITA' GARFAGNANA - chiuso al transito da oggi il ponte della Tambura sulla sp 50 di Vagli, a Vagli di Sotto

VIABILITA' GARFAGNANA - chiuso al transito da oggi il ponte della Tambura sulla sp 50 di Vagli, a Vagli di Sotto

Il ponte della Tambura a Vagli
Sabato, 11 Aprile, 2020
Tipologia: 
Comunicato stampa

Per motivi precauzionali e di sicurezza sarà chiuso da oggi, sabato 11 aprile 2020, a data da destinarsi il transito sul Ponte della Tambura sulla strada provinciale n. 50 di Vagli a Vagli di Sotto, in alta Garfagnana.

Oggi infatti è stata firmata la determina dirigenziale contenente l'Ordinanza di chiusura del ponte al traffico veicolare e pedonale in considerazione delle condizioni statiche dell'impalcato e lo stato degenerativo dei materiali costruttivi.
L'Ufficio tecnico della Provincia di Lucca, già alla fine di dicembre 2019 aveva fissato ulteriori restrizioni al transito per i mezzi pesanti e per la velocità di attraversamento di una carreggiata che era stata ridotta a 3 metri di larghezza mediante new jersey.
La decisione è maturata ieri, venerdì 10 aprile, a livello tecnico provinciale ed è stata anticipata dal consigliere provinciale con delega alla viabilità della Garfagnana Andrea Carrari che ne ha dato comunicazione al sindaco di Vagli Giovanni Lodovici.
Sulla struttura del Ponte della Tambura (progettato dall’ing. Riccardo Morandi – ndr), la Provincia lo scorso ottobre aveva effettuato delle verifiche tecniche sull’impalcato finalizzate alla verifica dello stato di fatto, propedeutiche proprio al progetto di messa in sicurezza della struttura che l’Ufficio tecnico di Palazzo Ducale sta elaborando, dando seguito al progetto di fattibilità tecnica per l’adeguamento dell’infrastruttura approvato con un decreto del presidente Luca Menesini.
La Provincia, infatti, lo scorso autunno – come ricorda la determina che contiene l'ordinanza  firmata dalla dirigente arch. Francesca Lazzari - aveva incaricato la ditta Gino Guidi spa di Castelnuovo Garfagnana per l’esecuzione di saggi, prove sui materiali e rilievi necessari ad ottenere la caratterizzazione dinamica dell’impalcato del ponte che era già stato oggetto di interventi di consolidamento realizzati tra il 2009 e il 2010.

Il consigliere provinciale con delega alla viabilità della Garfagnana Andrea Carrari come consigliere della zona è impegnato da tempo di varie questioni legate al territorio montano della provincia di Lucca e si occupa anche della questione del ponte della Tambura su cui l'ente di Palazzo Ducale lavorerà con soluzioni temporenee per limitare il più possibile i disagi ai residenti e alle aziende della zona derivanti dalla chiusura del ponte.

A seguito della decisione di chiudere il ponte della Tambura, la Provincia accelererà le procedure tecniche e amministrativa per arrivare all’approvazione del progetto definitivo che prevede la realizzazione di un nuovo impalcato e l’esecuzione di altre opere di messa in sicurezza e consolidamento. L’Amministrazione provinciale di Lucca ha inserito i lavori nel programma triennale dei lavori pubblici 2019-2021 con un investimento stimato di 2,3 milioni di euro.
Il progetto prevede l’adeguamento del ponte esistente mediante un totale rinnovo dell’impalcato che sarà realizzato con cassoni in acciaio e soletta superiore in cemento armato per una larghezza di 11 metri organizzati con due corsie ai lati protette di 1,50 m e una parte centrale per il transito dei veicoli di larghezza di 9,50, conforme con la carreggiata della categoria F2 (locale ambito extraurbano). Il nuovo impalcato sarà caratterizzato da un peso inferiore rispetto all’attuale in calcestruzzo riducendo così le azioni sismiche trasmesse alle pile, che sono comunque oggetto di adeguamento mediante un incremento dello spessore esterno di calcestruzzo di circa 20 cm.
Nel corso della prossima settimana è in programma un incontro con sopralluogo con il presidente Menesini e il consigliere provinciale Carrai, il sindaco Lodovici, l'assessore Puglia e i tecnici della Provincia e del Comune di Vagli.