Social

TwitterYoutubefacebook

 

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / SCUOLE VERSILIA - avviato a Palazzo Ducale percorso partecipativo sul progetto del nuovo STAGI-DON LAZZERI di Pietrasanta

SCUOLE VERSILIA - avviato a Palazzo Ducale percorso partecipativo sul progetto del nuovo STAGI-DON LAZZERI di Pietrasanta

Il rendering del nuovo Stagi di Pietrasanta
Lunedì, 28 Ottobre, 2019
Tipologia: 
Comunicato stampa

E’ stato avviato oggi – lunedì 28 ottobre - a Palazzo Ducale, a Lucca, il percorso partecipativo che porterà il nuovo istituto Don Lazzeri-Stagi di Pietrasanta ad essere tra qualche anno una delle scuole più moderne, avveniristiche e aggregative del territorio provinciale.
Nella sala Rappresentanza del Palazzo della Provincia di Lucca, infatti, è stato illustrato dai tecnici provinciali il progetto che, con il contributo degli esperti e della scuola, potrà essere ulteriormente migliorato in alcuni aspetti per rendere il nuovo plesso funzionale alle esigenze della didattica moderna.
Erano presenti il consigliere provinciale delegato all’istruzione Luca Poletti, il sindaco di Pietrasanta Alberto Giovannetti, la direttrice dell’Ufficio scolastico territoriale di Lucca e Massa Donatella Buonriposi, la dirigente scolastica dello Stagi Nadia Lombardi, oltre ai tecnici della Provincia, guidati dalla dirigente Francesca Lazzari, che hanno curato il progetto.
Progetto preliminare, lo ricordiamo, che è stato inserito nella graduatoria dei progetti finanziati grazie ai mutui BEI (oltre 16 milioni di euro di investimento), ma per il quale si aspetta il via libera definitivo da parte del Ministero.

“Adesso siamo nella fase di elaborazione del progetto di fattibilità  - ha spiegato Poletti e i nostri tecnici sono pronti a raccogliere suggerimenti e indicazioni dalla scuola per poter migliorare alcuni aspetti del progetto come la suddivisione degli spazi, il loro dimensionamento visto che, oltre alle numerose classi e ai laboratori, l’istituto sarà dotato anche di un moderno auditorium, di refettorio, biblioteca e spazi espositivi. Si tratta quindi di una riflessione attenta per ottimizzare un progetto già all’avanguardia che porterà il nuovo Stagi al centro dell’attenzione non solo didattica ma anche aggregativa. Mi fa piacere, inoltre, che stia trovando sempre più adesioni la proposta di collocare, in futuro, le opere prodotte dagli studenti della scuola nei vari spazi pubblici della Versilia”.

Dal canto suo il sindaco di Pietrasanta Alberto Giovannetti ha commentato: “Il progetto  preliminare è molto buono. E’ normale che ci siano degli aggiustamenti da fare. Siamo all’inizio di un percorso che è finalmente iniziato. Una scuola non fine a se stessa ma per la città. L’amministrazione di Pietrasanta è pronta a fare la sua parte per rendere questo percorso il più rapido possibile e facile”.

Il progetto della Provincia prevede la demolizione dell’attuale edificio e la ricostruzione della scuola che sarà ridisegnata nella fisionomia architettonica e nei contenuti unendo, in un unico polo scolastico, Stagi e Don Lazzeri: un edificio realizzato con spazi comuni tra le due scuole, interventi con soluzioni d'avanguardia per il risparmio energetico, la sostenibilità, l'efficienza e la funzionalità didattica dell'istituto configurato sia come polo didattico-educativo, sia come centro espositivo-culturale in grado di integrarsi con il tessuto economico e culturale di Pietrasanta. 

Sarà cura della Provincia, in accordo con il Comune di Pietrasanta, organizzare altri momenti di riflessione sul progetto con i tecnici, la dirigenza scolastica e il corpo docente che, in fase avanzata, potranno anche diventare pubblici.