FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / SCUOLE e PALESTRE: sbloccati i fondi per il progetto della Provincia per trasformare l'ex Cavallerizza Ducale in impianto sportivo

SCUOLE e PALESTRE: sbloccati i fondi per il progetto della Provincia per trasformare l'ex Cavallerizza Ducale in impianto sportivo

Uno scorcio dalle Mura dell'ex Cavallerizza Ducale
Mercoledì, 17 Aprile, 2019
Tipologia: 
Comunicato stampa

Buone notizie per gli spazi dedicati all’attività sportiva del centro storico di Lucca. Proprio in questi giorni, infatti, la Provincia di Lucca, che poco meno di un anno fa aveva elaborato un articolato progetto di recupero dell’ “Ex Cavallerizza Ducale” (nell'omonima via che unisce piazza S. Maria a Piazza S. Frediano), ha ricevuto dalla Regione Toscana il via libera al finanziamento del progetto da 2 milioni e 50 mila euro: per la precisione poco più di 1 milione e 87mila euro provengono dal Bando sport regionale, mentre i restanti 962mila euro sono ottenuti con mutuo dell’Istituto Credito Sportivo.

L’ufficio tecnico di Palazzo Ducale ora dovrà terminare entro 7 mesi il progetto esecutivo e affidare l’appalto dei lavori tramite gara dopo l’approvazione del bilancio di previsione 2019 che dovrebbe essere ratificato nelle prossime settimane.
Il recupero dell’edificio abbandonato in pieno centro storico accanto all'Ostello di Lucca e al complesso del Real Collegio prende le mosse dall’accordo del giugno 2018 tra la Provincia e il Demanio dello Stato. Accordo che prevede la concessione dell'edificio in comodato gratuito all'ente di Palazzo Ducale per sei anni rinnovabile per altri sei. Il vecchio edificio, com’è nelle intenzioni dell’amministrazione provinciale guidata dal presidente Luca Menesini, sarà trasformato in una moderna palestra all'interno delle Mura urbane a disposizione delle scuole superiori del centro della città e, negli orari extrascolastici, a favore delle società sportive e di tutti i cittadini.

Il progetto dell’impianto sportivo nell’ex Cavallerizza prevede la ristrutturazione completa dell'edificio (830 mq circa) con la realizzazione di una struttura moderna e all'avanguardia: una palestra 'principale' con campo da gioco (basket/pallavolo), e uno spazio più piccolo, di servizio dotato di attrezzature; spogliatoi al pian terreno e al piano superiore collegati tramite vano scale e ascensore. L'intervento sarà realizzato in modo da salvaguardare le preesistenze morfologiche che risultano ancora riconoscibili, ma contestualmente adeguandole alle funzioni a cui il fabbricato dovrà rispondere. Il progetto prevede l'accesso alla struttura sul lato nord-est, ossia dalla parte di via della Cavallerizza che consentirà un ingresso e un'uscita da parte degli utenti in totale sicurezza non andando ad interagire con le viabilità principali se non dopo una zona di filtro. La copertura dell'edificio sarà completamente ricostruita sul modello originario con legno e tegole in cotto.

L'immobile fu realizzato tra il 1821 e il 1823 ad uso governativo per il Ministero della Pubblica Istruzione che lo destinò a maneggio per le esercitazioni di equitazione degli studenti del Real Collegio e del Corpo militare dei Paggi.Da un punto di vista storico la struttura si colloca in una fase di transizione fra i due governi, il primo quello costituito da Elisa Buonaparte con suo marito Felice Baciocchi e quello di Maria Luisa Borbone figlia del Re di Spagna che, proprio in questo edificio, intervengono con i loro architetti di corte: Giovanni Lazzarini per i Baciocchi e Lorenzo Nottolini architetto reale dei Borbone. L'edificio, infatti, fu iniziato dall'arch. Lazzarini, tecnico di fiducia della famiglia Baciocchi e nel 1823 completato dal Nottolini su indicazione di Maria Luisa di Borbone.

I lavori, dal momento dell'affidamento dell'appalto, dovrebbero durare 18 mesi circa.

la foto aerea della zona interessata dal progetto di recupero
il vecchio edificio da un'altra angolazione