Social

Logo TwitterLogo YoutubeLogo Facebook

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / PROTEZIONE CIVILE - Il lavoro della Provincia per garantire la sicurezza delle strade a fronte dell'abbondante nevicata notturna

PROTEZIONE CIVILE - Il lavoro della Provincia per garantire la sicurezza delle strade a fronte dell'abbondante nevicata notturna

Spalaneve all'opera al Passo delle Radici
Venerdì, 1 Gennaio, 2021
Tipologia: 
News

Notte di lavoro, quella tra il 31 dicembre e Capodanno per i tecnici della Provincia, il personale della viabilità e le ditte affidatarie del servizio strade, a causa della copiosa neve caduta anche a bassa quota (200-300 metri).

Il lavoro effettuato durante la nottata ha permesso di mantenere percorribile la rete stradale provinciale, con la sola eccezione della Sp16, interrotta in prossimità dell’innesto con la Sr445 a Piazza al Serchio, a causa della caduta di diverse alberature e dove, comunque, è già in corso l’intervento di rimozione degli alberi caduti, in modo da liberare la sede stradale nel tempo più breve possibile.

 

La neve, caduta mista ad acqua e, quindi, molto pesante, ha causato la caduta di molti alberi sia sulle strade della Garfagnana, sia su quelle della Media Valle del Serchio e, questo, a sua volta, ha portato a dover intervenire tempestivamente per evitare che si creassero disagi alla circolazione, sebbene la caduta delle alberature abbia rallentato il lavoro degli spalaneve e dei mezzi spargisale.

Le zone maggiormente interessate dalla nevicata notturna sono Minucciano, Castelnuovo di Garfagnana, Castiglione di Garfagnana, Camporgiano, Sillano-Giuncugnano, Careggine e Vagli di Sotto. A queste si aggiungono Piazza al Serchio, Molazzana, Villa Collemandina, Pieve Fosciana, Bagni di Lucca. In queste aree si sono verificate anche interruzione dell’erogazione della corrente elettrica, cosa che ha visto l’immediato intervento dei tecnici Enel per rimediare ai danni causate dalla caduta delle alberature, anche con la messa in opera di gruppi elettrogeni, laddove non sia stato possibile un rapido ripristino della corrente.

 

«Voglio ringraziare tutto il personale della Provincia – commenta il presidente Luca Menesini – che, nonostante i giorni festivi che rendono tutto più difficile, sono sempre sul pezzo e si impegnano letteralmente giorno e notte per far sì che le nostre strade siano sicure e percorribili anche quando il maltempo vorrebbe giocarci dei brutti tiri. Il loro lavoro è fondamentale per far sì che le situazioni di emergenza che si possono creare, vengano risolte nei tempi e modi migliori».

 

Le previsioni meteo parlano di un minimo depressionario tra Golfo del Leone e la Sardegna, quasi stazionario e alimentato da aria relativamente fredda, cosa, questa, che determinerà tra oggi (venerdì) e sabato condizioni di tempo perturbato anche nella nostra provincia. Sono previste per oggi (venerdì) nevicate oltre 6-800 metri, temporaneamente anche a quote inferiori fino al pomeriggio e che, prevalentemente, interesseranno la Valle del Serchio. Le piogge saranno poco abbondanti a quota di montagna (20-30 cm oltre gli 800 metri di quota, inferiori ai 5 cm al di sotto dei 600 metri di quota).

Per domani (sabato) si prevedono nevicate generalmente tra i 900 e i mille metri e abbondanti piogge anche a quote di montagna (attorno ai 30 cm al di sopra dei 900 metri).

Nei prossimi giorni, la Provincia manterrà la situazione sotto stretto controllo, per poter intervenire tempestivamente laddove se ne ravvisi la necessità, garantendo così il massimo della fruibilità della rete stradale provinciale.