FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / PRESENTATA A PALAZZO DUCALE LA RASSEGNA FOTOGRAFICA PHOTOLUX 2018

PRESENTATA A PALAZZO DUCALE LA RASSEGNA FOTOGRAFICA PHOTOLUX 2018

il logo della manifestazione
Venerdì, 16 Novembre, 2018
Tipologia: 
News

In una conferenza stampa è stata presentata a Palazzo Ducale la rassegna forografica PHOTOLUX 2018

In attesa del ritorno della biennale nel 2019, è tutto pronto in casa Photolux per l'edizione 2018. Il festival dedicato all’ottava arte ospiterà nella sua versione ridotta opere di artisti di fama internazionale, concorsi, workshop, letture portfolio e talk aperti a tutti. Come da tradizione, saranno esposte, tra le altre, le foto vincitrici delle edizioni 2018 del “World Press Photo” e del “Leica Oskar Barnack Award”, due dei premi fotografici più prestigiosi al mondo. Oltre alle mostre, poi, non mancheranno i momenti per la formazione, con workshop (in collaborazione con Canon Academy) e letture portfolio con esperti di livello internazionale, e per l’approfondimento, con le conversazioni dedicate alla fotografia e, in particolare, agli autori. Due le sedi espositive per questa edizione che si terrà dal 17 novembre al 9 dicembre: le sale monumentali di Palazzo Ducale e la Chiesa dei Servi.

"L’edizione 2018 di Photolux – spiega il direttore artistico, Enrico Stefanelli – rappresenta una finestra aperta sul mondo di oggi, raccontata dai maggiori fotografi a livello mondiale. Nelle varie mostre presenti a Lucca raccontiamo l’attualità e lo facciamo attraverso l'obiettivo della macchina fotografica, con fotografi, storie, ritratti, reportage e progetti di ricerca. Ancora una volta ci sarà un po’ di mondo a Lucca e un po’ di Lucca nel mondo: le tante collaborazioni internazionali, le trasferte continuative e la presenza di Photolux in festival prestigiosi di tutto il mondo ne sono la conferma. Stiamo crescendo tanto, all’estero e in Italia siamo considerati ormai come una voce autorevole, un modello da cui prendere spunto e da replicare anche altrove. Sono tasselli importanti che, messi insieme passo dopo passo, ci permetteranno di strutturarci ancora di più e di offrire al pubblico un’esperienza ogni volta unica".

Questo il ricco programma dell’edizione 2018:

World Press Photo 2018. Lucca, e Photolux in particolare, è stata confermata per il 14esimo anno consecutivo tra le sedi di esposizione del “World Press Photo”, il premio dedicato al fotogiornalismo più prestigioso al mondo. Per l'edizione di quest'anno sono state sottoposte alla giuria internazionale più di 73mila foto da oltre 4500 fotografi rappresentanti di 125 paesi diversi. A vincere il primo premio assoluto, come foto dell’anno, è il venezuelano Ronaldo Schemidt dell’Agenzia France Presse, con lo scatto che ritrae un ragazzo in fuga, avvolto dalle fiamme, durante una manifestazione nel maggio del 2017 contro il presidente Nicolás Maduro, a Caracas. Tra i fotografi premiati, anche cinque italiani: Giulio Di Sturco, Luca Locatelli, Alessio Mamo, Francesco Pistilli e Fausto Podavini. I loro scatti, insieme a molti altri, saranno tutti in mostra a Palazzo Ducale.

Leica Oskar Barnack Award 2018. La Chiesa dei Servi ospiterà invece la mostra che vedrà esposte le foto vincitrici e finaliste del “Leica Oskar Barnack Award 2018”. Si tratta di un premio riservato a fotografi professionisti che, con il loro obbiettivo, sono riusciti a catturare ed esprimere al meglio la relazione tra uomo e ambiente. Il vincitore di quest'anno è il belga Max Pinckers con la serie di scatti intitolata “Red Ink”, dedicata a un reportage che il fotografo ha realizzato per il New Yorker sulla propaganda antiamericana in Corea del Nord. Oltre alle sue fotografie, sarà possibile ammirare gli scatti di Mary Gelman, vincitrice nella categoria "Newcomer” e dei 10 finalisti del premio: Ernesto Benavides, Vanja Bucan, Turi Calafato, Daniel Chatard, Stephen Dock, Samuel Gratacap, Sthéphane Lavoué, Elsa Stubbe, Christian Werner, Kechun Zhang.

“Tokyo Tsukiji” mette in mostra le foto di Nicola Tanzini, che nel corso degli ultimi due anni Tanzini si è aggirato per Tokio, soffermandosi su Tsukiji, il mercato ittico più grande del mondo, oggi smantellato in vista di trovare una nuova collocazione.

In “Fantasia”, il giovane fotografo italo-marocchino Karim El Maktafi ritrae un’antica tradizione del Marocco raccontandola con un sguardo contemporaneo: è la “Fantasia”, anche detta gioco della polvere nera o “Tbourida”, sport tradizionale del Marocco e sontuosa esibizione che celebra l’unione tra l’uomo e il suo cavallo. La mostra è a cura del giovane collettivo Kublaiklan.

Con “After the flood”, Joakim Kocjancic mette in mostra, per la prima volta, le comunità di Cardoso e dintorni, colpite duramente dall’alluvione del 1996, ritrovate 20 anni dopo il disastro e forse divenute, con il tempo, più consapevoli dei rischi ancora presenti. Le fotografie ci danno un senso di luogo senza tempo o forse di un tempo sospeso tra questo e l’altro secolo. È sicuramente il primo lavoro sull’alluvione del 1996 senza immagini di distruzione e di ricostruzione. Non ci sono le storie di quei giorni, ma il ricordo finalmente sollevato di molti anni dopo.

Realizzata in collaborazione con Neapolis.Art, con il sostegno di Canon Italia, "Scatta la notizia" è un'iniziativa di responsabilità sociale che vede quest’anno la sua seconda edizione. I protagonisti sono alcuni studenti tra i 14 e i 18 anni dell'istituto Francesco Morano di Caivano (Napoli). I ragazzi hanno avuto l’occasione di documentare l’ambiente in cui vivono e raccontare, attraverso l’obiettivo, bellezza e difetti di ciò che li circonda, sotto la guida di un tutor d’eccellenza, Antonio Gibotta, uno dei vincitori del World Press Photo 2017.

“SIMULTANEI, volti del contemporaneo” presenta il lavoro vincitore di una call dedicata alla cultura dell'immagine, ideata e promossa da Rufus Photo Hub e FPmag con il supporto di Fotofabbrica e Photolux. I 23 scatti da 2030: Birth of a Metropolis, di Filippo Venturi, documentano la trasformazione di Akmola, una città di provincia del Kazakistan, in una delle più moderne metropoli del mondo, nonché nella capitale dello stato. La città, rinominata Astana nel 1998, ha celebrato il suo ventesimo anniversario il 6 luglio 2018 e si prevede che il progetto di radicale trasformazione si concluderà nel 2030.

Workshop e letture portfolio. Si parte il 24 e 25 novembre con Guia Besana e il suo "Staged Photography & Fiction", durante il quale i partecipanti esploreranno le diverse declinazioni della "mise en scene" fotografica. “Personal Stories”, in programma l'1 e il 2 dicembre, vedrà Carla Kogelman al lavoro per spiegare come creare e raccontare le proprie storie attraverso la fotografia. Negli stessi giorni Simona Ghizzoni terrà “Documentary portraiture”, dedicato in modo particolare all’uso del ritratto nella fotografia documentaria. Si prosegue l’8 e 9 dicembre con la coppia Paolo Verzone e Azzurra Immediato, docenti di “Cabinet Fantastique. La luce applicata al ritratto ed estetica dell'illusione fotografica”. Nello stesso weekend, chiude la serie di workshop Francesco Pistilli con “Instagram e social media per visual-storytellers”. Il corso sarà incentrato su tutti i requisiti necessari per competere nel mercato della fotografia e della comunicazione visiva per i social.

Nel fine settimana del 24 e 25 novembre ci sarà spazio anche per le letture portfolio, coordinate da Bruno Cattani e organizzate in collaborazione con lo Spazio fotografia San Zenone di Reggio Emilia. Quindici gli esperti coinvolti e due importanti nuove collaborazioni, con “Amica.it” e con il “Luz del Norte” di Città del Messico, che andranno a premiare i due migliori portfolio esibiti durante la due giorni. Info e modalità di partecipazione, a questo link: www.photoluxfestival.it/it/photolux

Talk. Due i fine settimana dedicati alle conversazioni sulla fotografia, che si terranno nell’auditorium di San Micheletto il 24 e 25 novembre e l’8 e il 9 dicembre. Come di consueto, presentazioni di libri e approfondimenti con gli autori. Tra gli altri, saranno presenti Gianni Berengo Gardin, Nicola Tanzini, Martino Marangoni, Marcel Fortini e anche giovani talenti come Tomaso Clavarino e Ilaria Di Biagio+Pietro Vertamy.

Sarà possibile visitare le mostre tutti i giorni dalle 10 alle 19.30. Il biglietto intero per accedere a tutte le mostre costa 12 euro, ridotto a 10 euro per under 18, gruppi di almeno 10 persone e visitatori del Desco. Per il solo accesso a Palazzo Ducale il costo è di 10 euro mentre per la Chiesa dei Servi di 5. Ridotto a 5 euro per tutti gli studenti delle scuole primarie e secondarie.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.photoluxfestival.it, inviare una mail a info@photoluxfestival.it o telefonare al numero 0583.53003.

Orari della Mostra a Palazzo Ducale:

Tutti  i giorni dalle ore 10.00-19.30

La mostra rimarrà aperta fino al 9 dicembre.