FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / A Palazzo Ducale mercoledì 23 maggio incontro in ricordo della strage di via dei Georgofili di Firenze

A Palazzo Ducale mercoledì 23 maggio incontro in ricordo della strage di via dei Georgofili di Firenze

La locandina che annuncia l'incontro
Lunedì, 21 Maggio, 2018
Tipologia: 
Comunicato stampa

“La strage dei Georgofili: età media 21 anni” è l'emblematico titolo dell'iniziativa in programma mercoledì 23 maggio a Palazzo Ducale (sala Tobino), dalle 10.00, nel 25° anniversario della strage di Firenze del 1993. L'iniziativa - rivolta alle scuole ma aperta anche a tutta la cittadinanza - è promossa dal presidio di Libera “Giuliano Guazzelli”, dalla Provincia e dal Comune di Lucca, dalla Scuola per la Pace e dall'istituto Storico della Resistenza e dell'Età contemporanea.

Protagonista dell'incontro sarà Teresa Fiume, zia di Nadia e Caterina Nencioni, (le due bambine che persero la vita nella strage) che porterà la sua testimonianza diretta. 
Interverrà inoltre il prof. Gianluca Fulvetti, storico e docente all'Università di Pisa, nonché membro dell'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea. Fulvetti inquadrerà lo stragismo mafioso che vide il suo apice nel biennio 1992-1993.
E’ questa una data significativa per il nostro Paese, in quanto il 23 maggio è anche l’anniversario della strage di Capaci, in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta. A 25 anni di distanza, gli organizzatori dell'iniziativa ritengono necessario che le giovani generazioni conoscano i fatti, così gravi e determinanti per la storia del nostro Paese, e che attraverso la conoscenza dei fatti si rendano conto di quanto sia importante sconfiggere le organizzazioni criminali che, in forme anche nuove, ancora oggi inquinano gravemente la nostra società e la nostra economia.  Focalizzare il ricordo sull’età delle vittime di via dei Georgofili, da cui il titolo dell’iniziativa, “Età media 21 anni”, significa sottolineare la falsità di quel codice d’onore che la mafia stessa, in particolare Cosa nostra, si è preoccupata di diffondere, cioè che la mafia “non tocca donne e bambini”. 

Il 26 e il 27 maggio è in programma l' esposizione di opere sul tema della Strage di Via dei Georgofili alla Casermetta San Paolino, sulla Mura Urbane di Lucca in collaborazione con “La casa dei diritti dei bambini”.

LA STRAGE DI VIA DEI GEORGOFILI

Nella strage del 27 maggio 1993, avvenuta nella pieno della notte a Firenze per l’esplosione di un’autobomba collocata nei pressi della Galleria degli Uffizi, in via dei Georgofili, morirono nel crollo della Torre dei Pulci, sede dell’Accademia dei Georgofili, la custode Angela Fiume, di 36 anni, suo marito Fabrizio Nencioni, di 38 anni, le loro figlie Nadia, di 8 anni e mezzo, e Caterina, di soli 50 giorni. A seguito delle gravi ferite riportate nell’incendio che distrusse appartamenti vicini alla Torre, morì anche lo studente Dario Capolicchio, di 22 anni, una delle quaranta persone rimaste ferite nell’attentato. L’esplosione danneggiò gravemente numerose opere d’arte degli Uffizi e alcuni dipinti andarono persi per sempre. 

A Firenze, Cosa nostra rinnovò la stagione stragista iniziata il 23 maggio a Capaci e portò l’attacco allo Stato fuori dalla Sicilia, prendendo come obiettivo il patrimonio artistico nazionale. 
Esattamente due mesi dopo la strage di Firenze, il 27 luglio, esploderà a Milano un’altra autobomba, collocata in Via Palestro di fronte al Padiglione di Arte contemporanea, con gravi conseguenze sul Padiglione stesso, sui dipinti lì conservati, sulla vicina Galleria d’Arte moderna, e ancora una volta con un tragico esito di morte: resteranno uccise cinque persone. 

Info: Scuola per la Pace della Provincia, tel. 0583 417481 – email scuolapace@provincia.lucca.it