FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / NOMINE ISTITUZIONALI - il presidente della Provincia Luca Menesini entra nel Comitato Europeo delle Regioni a Bruxelles

NOMINE ISTITUZIONALI - il presidente della Provincia Luca Menesini entra nel Comitato Europeo delle Regioni a Bruxelles

Il presidente Luca Menesini
Mercoledì, 25 Settembre, 2019
Tipologia: 
Comunicato stampa

Il presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, è stato nominato membro del Comitato europeo delle regioni a Bruxelles. 
Lo ha comunicato allo stesso Menesini oggi, mercoledì 25 settembre, l’UPI nazionale (Unione province italiane) con cui Menesini collabora fin dalla sua elezione a Palazzo Ducale e con la quale ha stretto ancora di più i rapporti dal luglio 2018 quando è stato nominato presidente di UPI Toscana. 
Il Comitato europeo delle regioni (CdR) è un organo consultivo dell'Unione Europea composto da rappresentanti eletti a livello locale e regionale provenienti dai 28 Stati membri dell’UE. Attraverso il CdR essi possono scambiarsi pareri sulle norme dell'UE che incidono direttamente sulle regioni e sulle città e i territori. E’ un organo istituito nel 1994 e presieduto dal belga Karl-Heinz Lambertz.

Il Comitato permette, quindi, agli amministratori locali di esprimere formalmente la loro opinione nel processo legislativo dell’Unione Europea per assicurare che la posizione e le esigenze degli enti regionali e locali siano rispettate. La Commissione europea, il Consiglio dell'UE e il Parlamento europeo, infatti, devono consultare il CdR quando elaborano norme nei settori che riguardano più da vicino l'amministrazione locale e regionale come la sanità, l'istruzione, l'occupazione, la politica sociale, la coesione economica e sociale, i trasporti e i cambiamenti climatici.