FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / GIORNO DELLA MEMORIA 2018 giovedì 18 gennaio - inauguta la mostra "La razza nemica"

GIORNO DELLA MEMORIA 2018 giovedì 18 gennaio - inauguta la mostra "La razza nemica"

la locandina della mostra
Mercoledì, 17 Gennaio, 2018
Tipologia: 
Comunicato stampa

Sarà inaugurata domani – giovedì 18 gennaio – alle 17 nella sala del Trono di Palazzo Ducale la mostra “La razza nemica, la propaganda antisemita nazista e fascista” (a cura della Fondazione Museo della Shoah di Roma), una delle prime iniziative promosse nell'ambito del fitto calendario del “Giorno della Memoria 2018” curato dall'Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in provincia di Lucca (Isrec), insieme con la Provincia e il Comune di Lucca, la Scuola per la Pace e molti altri Comuni del territorio.

La mostra – che sarà introdotta dal vicepresidente della Fondazione Museo della Shoah Paolo Masini - esamina quale ruolo abbia avuto la propaganda antisemita nella Germania nazista e nell’Italia fascista. In quest’ottica la rassegna espositiva analizza a fondo le ragioni, le dinamiche, le forme, nonché i contenuti e i protagonisti di tale fenomeno.
Nell’occasione Marcello Pezzetti, uno dei massimi storici della Shoah, co-curatore della mostra nonché consulente storico di Roberto Benigni durante le riprese del film “La vita è bella”, presenterà la mostra e il pubblico avrà quindi la possibilità di visitarla con una guida d’eccezione. 
L'esposizione aiuta a comprendere il visitatore come sia stato possibile che centinaia di migliaia di uomini comuni abbiano potuto partecipare attivamente alla persecuzione e all’uccisione della minoranza ebraica dell’intera Europa.

Nell'ambito dell'incontro inaugurale della mostra Fausto Garcea, Docente Scuola dello Sport CONI e il saggista Marco Vignolo Gargini, ricorderanno la figura di Egri Erbstein, allenatore della Lucchese degli anni ’30, capace di portare la compagine rossonera fino al settimo posto in serie A nella stagione 1936/1937. Erbstein viene colpito direttamente dalla leggi razziali fasciste del 1938 e si ritrova a non poter più far frequentare una scuola pubblica alle sue figlie, viene costretto ad una vita instabile e precaria; nel dopoguerra sarà allenatore del Grande Torino e morirà nella tragedia di Superga il 4 maggio 1949.

L'esposizione rimarrà a Palazzo Ducale fino al 10 febbraio, poi sarà ospitata alla Fortezza di Mont’Alfonso (Castelnuovo di Garfagnana) dal 15 febbraio al 2 marzo e, successivamente, al Palazzo della Cultura di Cardoso (Stazzema) dal 9 al 18 marzo.