Social

TwitterYoutubefacebook

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / GARFAGNANA - La mobilità ferroviaria al centro della riunione tra la Provincia e l'Unione dei Comuni

GARFAGNANA - La mobilità ferroviaria al centro della riunione tra la Provincia e l'Unione dei Comuni

Martedì, 14 Gennaio, 2020
Tipologia: 
Comunicato stampa

«Un incontro di ascolto, per iniziare un percorso nuovo che vuole far divenire sempre più l’ente di Palazzo Ducale, la Provincia dei sindaci». Con questa premessa, il presidente della Provincia, Luca Menesini, ha iniziato il suo intervento alla riunione della giunta dell’Unione dei Comuni della Garfagnana, promossa dal presidente, Andrea Tagliasacchi, che, nell’aprire i lavori, ha ringraziato Menesini per aver accettato l’invito di un confronto a tutto tondo con i sindaci.

LA RIUNIONE ALL’UC GARFAGNANA - L’incontro con i sindaci nella sede dell’Unione dei Comuni a Castelnuovo Garfagnana, è stata, per il presidente Menesini, la chiusura di una giornata di sopralluoghi e di confronto con gli amministratori sui vari problemi del territorio. «Questa riunione – ha sottolineato Menesini – rappresenta anche l’occasione per disegnare il nuovo ruolo che la Provincia può avere nella gestione del territorio. Per la prima volta dal 2012, con questa Finanziaria abbiamo ricevuto delle risorse aggiuntive per gli ambiti di nostra competenza, scuole e strade su tutti, ma anche degli importanti riconoscimenti politici che fanno comprendere come si stia sempre più delineando un ruolo di raccordo e coordinamento tra i vari enti locali, affinché il territorio abbia uno sviluppo omogeneo».

Il presidente ha evidenziato come sia stata riconosciuta alle amministrazioni provinciali una funzione sia in tema di urbanistica, sia di progettazione: «Ritengo sia arrivato il momento di pensare allo sviluppo del territorio in maniera quanto più organica possibile e, in questo, il ruolo della Provincia come ‘casa comune’ dove dibattere e portare le esigenze delle diverse aree, per trovare soluzioni condivise e che valorizzino tutte le zone diviene fondamentale».

IL NODO DELLA MOBILITA’ - Centrale è stato il tema della mobilità: i sindaci, oltre alla richiesta di proseguire con gli interventi per rendere le strade sempre più sicure, risolvendo i vari problemi che si sono evidenziati nel tempo, come gli attraversamenti a velocità troppo elevata dei centri delle varie frazioni, da contrastare, ad esempio, con l’installazione di dissuasori, hanno avanzato una forte richiesta di un coinvolgimento della Provincia nel dibattito del potenziamento e perfezionamento della circolazione ferroviaria. «L’amministrazione provinciale sarà a fianco dei Comuni, sia a livello politico che tecnico, nell’incontro con la Regione e Ferrovie – ha detto il presidente Menesini – per risolvere i problemi di ritardi sulla linea ferroviaria che serve la Garfagnana, ma anche per ottimizzare il servizio integrato bus-ferrovia, affinché tutte le zone siano servite nel miglior modo possibile. Del resto, uno sviluppo economico e turistico del territorio passa anche dal potenziamento della mobilità su rotaia, sempre più apprezzata dai turisti che si avvicinano a una terra come la nostra. E su questo dobbiamo lavorare, proiettando verso un futuro non così lontano la creazione di quella che potrebbe essere una sorta di metropolitana leggera».

LA PROVINCIA DEI COMUNI – Menesini, nel corso della riunione, ha illustrato anche la sua idea di ‘Provincia dei sindaci’: «Intendiamo realizzare una serie di servizi a disposizione dei Comuni, come l’istituzione di un ufficio legale o quello di progettazione europea, nonché di quei servizi di cui, nel tempo, si potrebbe evidenziare la necessità da parte soprattutto dei Comuni più piccoli, che, in questo modo, potranno usufruire di un’organizzazione più strutturata e approfittare di occasioni di sviluppo che, diversamente, riuscirebbero a intercettare con maggiore difficoltà.