FacebookTwitterYoutube

Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / Dal 14 luglio professionisti fuori dallo split payment

Dal 14 luglio professionisti fuori dallo split payment

Martedì, 17 Luglio, 2018
Tipologia: 
News

Dal 14 luglio, come previsto dall'art 12 del DL 87/2018, sono entrate in vigore le disposizioni che escludono nuovamente dallo split payment le prestazioni di servizi rese alle Pubbliche Amministrazioni dai professionisti i cui compensi sono assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta o a titolo di acconto.

Le nuove disposizioni si applicano alle operazioni per le quali le fatture sono emesse dal 15 luglio 2018, ossia dal primo giorno successivo alla data di entrata in vigore del DL n. 87/2018.

Pertanto, per capire quale regime Iva applicare si deve far riferimento guardare alla data di emissione della fattura, che indica se vi è obbligo o meno di applicare lo split payment.

In dettaglio che cosa è cambiato da sabato in termini pratici:

  • il professionista che emette la fattura in data successiva al 14 luglio non deve più indicare la dizione “scissione dei pagamenti” - “S”;
  • il cliente che riceve la fattura, al momento del pagamento, deve trattenere la ritenuta mentre deve versare al professionista l’Iva relativa e, se ammesso, può portarla in detrazione;
  • il professionista a fronte dell’emissione della fattura per la quale gli nasce un debito Iva, deve liquidare l’imposta e versarla all’erario.
Vai nelle news di Palazzo Ducale: 
no