CONTRATTO DI FIUME DEL SERCHIO

La Provincia di Lucca ha recentemente concluso la prima esperienza condotta in Toscana sull’integrazione dei Contratti di Fiume all’interno delle politiche locali.
Il modello concettuale adottato per la realizzazione del Contratto di Fiume è stato fondato sul principio dell’assunzione volontaria di responsabilità e ha effettuato un percorso piuttosto articolato scandito sia da atti formali che da azioni concrete da realizzare.


Processo partecipato
Il progetto, si è sviluppato attraverso varie fasi partecipative  con l’attivazione di specifici tavoli tematici  che hanno visto presenze assidue e continue per un totale di oltre 350 presenze. Il percorso effettuato ha consentito l'individuazione di 44 progetti/idee progetti di cui alcuni trasversali e con valenza a scala di Bacino come quelli di "Azioni non strutturali" a carattere educativo, formativo, informativo e di studio.

Risultati
Per il tratto di fiume esaminato si dispone adesso di un Piano di Azione di 44 progetti/idee progetto giudicati importanti e urgenti e di un pacchetto di proposte per “Azioni di pianificazione” utili anche al redigendo nuovo PTC della Provincia di Lucca e di un Protocollo d’Intesa teso alla realizzazione di un Contratto di Fiume per il Serchio esteso all’intera asta e a dare attuazione, in prima fase, alle previsioni del Piano di Azione prioritarizzato con le votazioni tenutesi nelle seduta plenaria del 19 aprile 2012.
Con Delibera di Giunta Provinciale n. 121 del 4 Giugno 2015 è stato approvato il Protocollo di Intesa per l'attuazione del Piano di azione nel tratto compreso tra il Ponte di Campia e il Ponte di Sant'Ansano per la promozione alla realizzazione del Contratto di Fiume generale

Riconoscimenti
Nel VII tavolo nazionale dei Contratti di Fiume svoltosi a Bologna nel novembre 2012, il progetto ha ottenuto il 1° premio nella sessione riguardante l’Integrazione e diffusione dei Contratti di Fiume all’interno delle politiche nazionali, regionali e locali. La menzione del premio è stata: “Per l’approccio multiscalare in un tratto fluviale del Serchio, ricco di dighe, attività produttive e problematiche di gestione delle acque e del territorio contermine, ideale per la stipula di un Contratto di Fiume” (foto 1, foto 2).
Il progetto può essere pertanto considerato una eccellenza di livello nazionale tanto da essere inserito come caso studio nel rapporto Unesco WWDR 2015 (Facing the challenges – Case studies and indicators) presentato lo scorso 20 Marzo a New York. 

Eventi

Contatti

Link